Cosmo Laera
10 / 49 ◄   ► ◄  10 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
11 / 49 ◄   ► ◄  11 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
12 / 49 ◄   ► ◄  12 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
13 / 49 ◄   ► ◄  13 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
14 / 49 ◄   ► ◄  14 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
15 / 49 ◄   ► ◄  15 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
16 / 49 ◄   ► ◄  16 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
17 / 49 ◄   ► ◄  17 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
18 / 49 ◄   ► ◄  18 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
19 / 49 ◄   ► ◄  19 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
20 / 49 ◄   ► ◄  20 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
21 / 49 ◄   ► ◄  21 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
22 / 49 ◄   ► ◄  22 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
23 / 49 ◄   ► ◄  23 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
24 / 49 ◄   ► ◄  24 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
25 / 49 ◄   ► ◄  25 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
26 / 49 ◄   ► ◄  26 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
27 / 49 ◄   ► ◄  27 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
28 / 49 ◄   ► ◄  28 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
29 / 49 ◄   ► ◄  29 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
30 / 49 ◄   ► ◄  30 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
31 / 49 ◄   ► ◄  31 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
32 / 49 ◄   ► ◄  32 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
33 / 49 ◄   ► ◄  33 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
34 / 49 ◄   ► ◄  34 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
35 / 49 ◄   ► ◄  35 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
36 / 49 ◄   ► ◄  36 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
37 / 49 ◄   ► ◄  37 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
38 / 49 ◄   ► ◄  38 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
39 / 49 ◄   ► ◄  39 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
40 / 49 ◄   ► ◄  40 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
41 / 49 ◄   ► ◄  41 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
42 / 49 ◄   ► ◄  42 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
43 / 49 ◄   ► ◄  43 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
44 / 49 ◄   ► ◄  44 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
45 / 49 ◄   ► ◄  45 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
46 / 49 ◄   ► ◄  46 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
47 / 49 ◄   ► ◄  47 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
48 / 49 ◄   ► ◄  48 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
49 / 49 ◄   ► ◄  49 / 49  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options

La Trama del Ghetto

Le possibilità di ricreare la superficie e la luce delle architetture veneziane costituiscono la speranza di ogni costruttore di immagini, tanto con le parole quanto con le forme, motivo che rende le fotografie testimoni attendibili e discrete della realtà. Ad ogni pietra e a tutte le strade, finestre, calle e persone andrebbe dedicato un tempo, una considerazione per ciò che rappresentano e che definiscono.
A Venezia i quartieri trasudano storia, il Ghetto rappresenta una delle testimonianze più vive della storia recente, prossimo ai cinquecento anni dalla sua fondazione: una specie di “ cortile “ con la funzione da un lato di proteggere e dall’altro di isolare il nucleo di abitanti che accoglieva in origine. Ad oggi il Ghetto sembrerebbe aver trovato una sua definizione urbanistica, una dignità composta tra le case ordinate e le solide strutture delle vie su cui affacciano i portici e le botteghe, sicuramente per merito dei suoi abitanti che non rappresentano più un’unica identità culturale e che permettono attraverso la vita quotidiana una fruibilità del luogo conviviale e scorrevole.
Queste immagini propongono una lettura degna della storia di questo luogo così importante e talvolta impercettibile rispetto allo sfarzo della città lagunare, concentrando l’attenzione dello spettatore proprio sulla griglia architettonica, sulla trama su cui è intessuta una delle storie più fitte dell’umanità, trame di racconti e di vite che nel complesso intreccio dell’esistenza si sono concretizzare nei luoghi di cui queste fotografie cercano di riportare la ricchezza, l’energia e la forza che hanno tramandato fino a noi.
Un validissimo aiuto arriva dalla meditazione e dal silenzio mentre i pochi segnali più visibili, i memoriali, la sinagoga, una biblioteca, rispondono allo sguardo del passante, offrendo una presenza che riassume sentimenti eterni.

loading