Cosmo Laera
10 / 22 ◄   ► ◄  10 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
11 / 22 ◄   ► ◄  11 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
12 / 22 ◄   ► ◄  12 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
13 / 22 ◄   ► ◄  13 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
14 / 22 ◄   ► ◄  14 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
15 / 22 ◄   ► ◄  15 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
16 / 22 ◄   ► ◄  16 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
17 / 22 ◄   ► ◄  17 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
18 / 22 ◄   ► ◄  18 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
19 / 22 ◄   ► ◄  19 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
20 / 22 ◄   ► ◄  20 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
21 / 22 ◄   ► ◄  21 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
22 / 22 ◄   ► ◄  22 / 22  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options

Segnana

Segnana è un nome che appartiene alla storia del più italiano dei distillati, la grappa. Era il 1860 quando Paolo Segnana, di Borgo Valsugana, realizzò una delle poche distillerie mobili della storia. Installò su un carro trainato da cavalli gli alambicchi e cominciò a girare di valle in valle, di maso in maso, lavorando le vinacce appena spremute. La grappa doveva essere distillata entro ventiquattro ore dalla pressatura dell'uva, come imponeva la ferrea legge dell'Impero Austro-Ungarico. Nel 1982 la Segnana fu rilevata dalla famiglia Lunelli, produttrice delle bollicine Ferrari. Un passaggio naturale, visto che i Lunelli erano tra i più importanti conferenti di vinacce. Forte è il legame di Segnana con il Trentino, testimoniato anche dallo stretto rapporto con l'Istituto di Tutela Grappa del Trentino di cui Segnana è uno dei soci fondatori.

loading