Cosmo Laera
10 / 50 ◄   ► ◄  10 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
11 / 50 ◄   ► ◄  11 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
12 / 50 ◄   ► ◄  12 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
13 / 50 ◄   ► ◄  13 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
14 / 50 ◄   ► ◄  14 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
15 / 50 ◄   ► ◄  15 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
16 / 50 ◄   ► ◄  16 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
17 / 50 ◄   ► ◄  17 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
18 / 50 ◄   ► ◄  18 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
19 / 50 ◄   ► ◄  19 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
20 / 50 ◄   ► ◄  20 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
21 / 50 ◄   ► ◄  21 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
22 / 50 ◄   ► ◄  22 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
23 / 50 ◄   ► ◄  23 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
24 / 50 ◄   ► ◄  24 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
25 / 50 ◄   ► ◄  25 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
26 / 50 ◄   ► ◄  26 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
27 / 50 ◄   ► ◄  27 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
28 / 50 ◄   ► ◄  28 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
29 / 50 ◄   ► ◄  29 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
30 / 50 ◄   ► ◄  30 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
31 / 50 ◄   ► ◄  31 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
32 / 50 ◄   ► ◄  32 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
33 / 50 ◄   ► ◄  33 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
34 / 50 ◄   ► ◄  34 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
35 / 50 ◄   ► ◄  35 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
36 / 50 ◄   ► ◄  36 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
37 / 50 ◄   ► ◄  37 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
38 / 50 ◄   ► ◄  38 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
39 / 50 ◄   ► ◄  39 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
40 / 50 ◄   ► ◄  40 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
41 / 50 ◄   ► ◄  41 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
42 / 50 ◄   ► ◄  42 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
43 / 50 ◄   ► ◄  43 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
44 / 50 ◄   ► ◄  44 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
45 / 50 ◄   ► ◄  45 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
46 / 50 ◄   ► ◄  46 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
47 / 50 ◄   ► ◄  47 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
48 / 50 ◄   ► ◄  48 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
49 / 50 ◄   ► ◄  49 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options
50 / 50 ◄   ► ◄  50 / 50  ► pause play enlarge slideshow thumbs
Options

Vicino a te, vicino a me / Near to you, near to me

Se il “vedere” è essenzialmente un ri-conoscere, perché consiste nel risvegliare nel cervello conoscenze già presenti, cosa è il “fotografare”? Roland Barthes in La chambre claire afferma che per guardare (o scattare) una fotografia (o un’immagine) bisogna unire due voci: la voce della banalità (ciò che si vede e già si sa) e la voce della singolarità (che riempie la banalità con l’emozione capace di rinnovare anche il sentimento). Questo è quello che fa Cosmo Laera quando guarda “con occhi nuovi” – come suggeriva Marcel Proust – la realtà del mondo che abbiamo sempre sotto gli occhi.
La sua ricerca fotografica è segnata, in un pluridecennale e ricco percorso artistico, da due temi prioritari: il territorio e la figura umana. Attraverso di essi, lo sguardo dell’autore crea legami, tesse racconti, getta ponti. Apre finestre sullo spazio e svela luoghi. Ferma l’attenzione su volti e corpi e scopre storie. Le tracce di vita di sconosciuti si annodano con i frammenti dell’ambiente: le pietre dei muri, le chianche delle strade, i gesti quotidiani, gli oggetti comuni, i pezzi di cielo tra le pareti, i fili metallici che separano le nubi. Impasti di architetture antiche e moderne, pezzetti di passato e pre-visioni di futuro, parole e grida, passi e rumori. Laera è un cacciatore, ma non solo di immagini. Piuttosto è un cacciatore di realtà, le realtà che sono tante quanti noi siamo. E forse di più. In questo intervento di fotografia ambientale, “Vicino a te, vicino a me / Near to you, near to me”, cerca e trova microcosmi fatti di vicinanza, relazione, condivisione; descrive con la luce e modella con le ombre piccoli eventi e semplici scenari di un angolo di strada o di una corte del borgo antico. Fotografia e video documentano gli itinerari tra un ritratto ambientato e un paesaggio urbano. Poi, Laera amplia lo sguardo dell’obiettivo sino ad invadere i paesaggi sconfinata del web: la messa in rete delle immagini coinvolge comunità più ampie, l’amicizia di vicinato diventa l’amicizia dei social network, la quotidianità del presente diventa flusso temporale. Il vicino diventa lontano. Il lontano diventa vicino.


Maria Vinella

more: DSC_6457.jpg

loading