Cosmo Laera

GIOCO D'ARTISTA / ARTE IN GIOCO

30-03-2017 20:31

url: permalink

Mostra d’Arte Contemporanea 2017

GIOCO D’ARTISTA
Arte in Gioco. Da Bruno Munari a Pino Pascali

MUSEO MICHELE DE NAPOLI - Terlizzi

1 Aprile 2017 – 22 Aprile 2017




Ideazione del progetto e cura di:
prof.ssa Maria Vinella, Accademia di Belle Arti di Bari.
Coordinamento di:
prof. Giovanni Morgese, ADSUM arte contemporanea.

Comitato Scientifico: Mibact, Comune di Terlizzi, Università degli Studi di Bari, Accademia Belle Arti di Bari.
Patrocini: Comune di Terlizzi, Regione Puglia, Accademia Belle Arti Bari, Università di Bari.


Artisti: Giovanni Albanese, Biagio Caldarelli, Pierluca Cetera, Mimmo Conenna, Gaetano Fanelli, Cosmo Laera, Paolo Laudisa, Pino Pascali, Giuseppe Sylos Labini, Nicola Vinci.

Sezione Giovani Artisti: Damiano Azzizia, Mariantonietta Bagliato, Stefania Cicchelli, Mario Red De Gabriele, Cristina Mangini.

Sezione Didattica a cura di Maria Bonaduce e Maria Vinella.
Omaggio agli Artisti: Bruno Munari, Maria Lai, Pino Pascali, Alexander Calder.

L’arte e le opere d’arte non rappresentano solo un patrimonio storico e artistico, ma attraverso di esse è possibile scoprire nuovi modi per comprendere la creatività contemporanea. Per secoli l’uomo ha impiegato gran parte del suo tempo libero cimentandosi in giochi di vario genere. Dalla dama alle bocce, passando per i giochi di carte, sin dalle civiltà preclassiche ci sono innumerevoli testimonianze, provenienti da importanti opere d’arte, che illustrano quali fossero i passatempi preferiti. Con l’avvento dell’arte postmoderna il tema del gioco continua ad essere fonte d’ispirazione per artisti di diverse correnti come ad esempio Cézanne, Picasso, Matisse Klee, Kandinsky ecc. Nel Novecento diventano famosi i teatrini di Calder, le marionette dadaiste, i costumi futuristi, le armi-giocattolo di Pino Pascali, i giochi di Bruno Munari, le fiabe di Maria Lai ecc. Anche oggi, molti artisti con l’impiego di materiali diversi, sempre più vari, creano dipinti con paesaggi di fiaba, sculture fantastiche, narrazioni incantate. A loro è dedicato questo progetto di mostra per sollecitare non solo nei grandi ma anche nei più piccoli l’amore e il rispetto per l’arte.
Il progetto prevede l’organizzazione di alcuni laboratori d’arte mattutini per le scuole, con visite guidate e incontro con gli artisti. I laboratori per scuole saranno dedicati ai temi della sezione didattica della mostra.



Vernissage sabato 1 aprile 2017 ore 19,30
Interverranno il Sindaco di Terlizzi dott. Ninni Gemmato,
Ass. alla cultura avv. Marina Cagnetta, la responsabile della Pinacoteca dott.sa Maria Luisa Guastamacchia
e la curatrice prof.ssa Maria Vinella

visitabile dal 1 al 22 aprile 2017
orario: dal martedì al sabato ore 10.00-13.00 / venerdì e sabato anche ore 16.00 -19.00

(catalogo della mostra Edizioni Pegasus)

Pinacoteca De Napoli, c.so Dante, 9 - Terlizzi
info@pinacotecadenapoli.com -www.pinacotecadenapoli.com - tel 0803542836

ADSUM artecontemporanea
Tel. 3476502478 – adsum.arte@libero.it – www.retearte.it

more: invito_Gioco_d_Artista.jpg (507.24 KB)

IMG_8184.jpgIMG_1967.JPGIMG_0834.JPGIMG_0308.JPGIMG_0314.JPGIMG_1514.JPGIMG_7544.JPGIMG_2716.JPGIMG_6048.JPGIMG_3310.JPGIMG_8258.JPGIMG_3728.jpgIMG_7201.JPGIMG_4158.JPGIMG_4490.jpgIMG_9309.JPGIMG_9993.JPGIMG_6630.jpgIMG_6750.JPGIMG_1594.JPGIMG_8377.JPGIMG_1536.JPGIMG_1374.JPGIMG_6482.JPGIMG_6495.JPGIMG_5488.JPGIMG_9532.JPGIMG_4011.JPGIMG_9513.JPGIMG_1837.JPGIMG_2327.JPGIMG_9046.JPGIMG_3276.JPG

ANTEPRIMA / MATERA EUROPEAN PHOTOGRAPHY 2017

16-02-2017 00:33

url: permalink


ANTEPRIMA
Matera European Photography 25/26 febbraio 2017
FORUM DI PROGETTI E PROPOSTE

Com'è noto la città di Matera sarà Capitale della Cultura nel 2019 ed è pertanto che è nato il progetto Matera European Photography come punto di partenza per una straordinaria occasione di incontro e di confronto dedicato alla produzione delle immagini e al ruolo della fotografia nel Sud Italia.
In questa prima fase intendiamo realizzare l’ANTEPRIMA del progetto attraverso un incontro che si svolgerà nei giorni 25 e 26 febbraio 2017.
L’ANTEPRIMA  è un evento di partenza che prevede due giorni di studio, di proposte e di confronto per affrontare in maniera organica e con competenze qualificate gli sviluppi possibili all'interno di questo territorio multiforme, attraverso la ricerca fotografica autoriale.
I percorsi possibili sono il punto essenziale del dibattito che si svolgerà con gli interventi e le proposte che saranno presentate, per garantire una linea analitica della importante testimonianza iconografica che già inizia a delinearsi nella manifestazione.
L'intento quindi è quello di avviare una rete di azioni che permettano di mettere in luce anche gli aspetti meno evidenti del tessuto sociale e urbano che determinano la struttura vitale della stessa città.
Questo momento permetterà a Matera la concentrazione di protagonisti ed esperti della ricerca fotografica e sarà un punto fermo  per  realizzare l’incontro tra le parti istituzionali  con gli autori, con i produttori, con esperti e storici della fotografia, galleristi, curatori e giornalisti.
Per gli invitati sarà l'occasione per un approccio alla città che consentirà, tra l'altro, di entrare in contatto con le strutture e le persone che hanno creduto in un progetto ricco di contenuti che ha tenuto e terrà impegnata una intera comunità per i prossimi anni.
Il forum di idee e progetti si svolgerà all’interno delle prestigiosi sedi di Palazzo Viceconte, Palazzo Lanfranchi e Casa Cava ubicati nel centro storico e prevede una serie di interventi e di presentazioni di esperienze attuate sul tema della restituzione iconografica del territorio attraverso l’uso della fotografia, una serie di interventi da parte dei rappresentanti delle istituzioni pubbliche e private, attive nella regione.


I partecipanti al Forum sono:

Avv. Raffaello De Ruggeri - Sindaco di Matera, Dott. Achille Spada – Consigliere Regione Basilicata Dott. Paolo Verri – Direttore Fondazione Matera-Basilicata2019, Dott.ssa Marta Ragozzino - Direttore del Polo Museale Regionale della Basilicata, Arch. Dora Capozza – Responsabile Commissione Cultura Ambiente e Territorio dell’Ordine degli Architetti, Ing. Padula Gregorio – Presidente Consorzio Albergatori


Giovanna Calvenzi - Curatore / Consulente di Donna Moderna, Denis Curti – Curatore - Direttore Artistico della Fondazione Tre Oci di Venezia / Direttore della rivista Il Fotografo, Matteo Luigi Balduzzi - Curatore / Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo / Forma Meravigli, Antonella Pierno – Docente Accademia di Belle Arti di Brera, Sergio Camplone – Fotografo, Paola De Pietri – Fotografo, Antonio Di Cecco – Fotografo e responsabile del Progetto Confotografia, Giorgio Barrera - Fotografo e Direttore Artistico Ragusa Foto Festival, Massimo Vitali – Fotografo, Claudio Sabatino – Fotografo, Marco Zanta – Fotografo, Filippo Romano – Fotografo, Andrea Botto – Fotografo, Gianpaolo Arena – Fotografo e direttore della rivista Landscapestories e del Progetto Calamità, Francesco Radino – Fotografo, Massimo Siragusa – Fotografo, Salvatore Picciuto - Direttore Portale Myphotoportal, Pierangelo Laterza – Fotografo, Cosmo Laera – Fotografo, Giuseppe Goffredo – Scrittore e Editore / Editrice Poiesis, Roberta Fiorito – Curatrice e Responsabile Scuola di Fotografia FProject, Michela Frontino – Ricercatrice visuale e redattrice de Il Fotografo, Sandro Iovine – Direttore della rivista FPmagazine, Luca Campigotto – Fotografo, Tiziano Doria –Fotografo, Zacharie Gaudrillot-Roy – Fotografo, Melania Avanzato – Fotografo, Marco Introini - Fotografo e docente al Politecnico di Milano, Fabrizio Bellomo – Curatore, regista, fotografo, scrittore, video-artista.

Gli interventi dei partecipanti si susseguiranno nelle due giornate, intervallati da proiezioni e presentazioni editoriali.

Nei due giorni saranno visitati una serie di luoghi di particolare interesse. Alla fine della seconda giornata saranno definite le aree di interesse per le produzioni artistiche grazie a cui Matera potrà essere finalmente pronta a presentarsi al grande evento che la vedrà Capitale della Cultura nel 2019.
Il forum è particolarmente interessante per le possibilità che offre anche alle istituzioni e agli imprenditori presenti sul territorio che vorranno approfondire le possibilità di partenariato con le attività nella bellissima città.

Le due giornate di studio sono aperte al pubblico che potrà partecipare previa iscrizione alla segreteria dell’evento ai seguenti indirizzi:
info@materaeuropeanphotography.org
https://www.facebook.com/MateraEuropeanPhotography/

25 Febbraio 2017
PALAZZO VICECONTE
Via San Potito, 7 - 75100 Matera, Italia
Ore 9.30

25 Febbraio 2017
PALAZZO LANFRANCHI
Piazzetta Pascoli, 1 - 75100 Matera, Italia
Ore 15.30

26 Febbraio 2017
CASA CAVA
Via San Pietro Barisano, 47 -75100, Matera
Ore 9.30


ph. Luca Campigotto


MATERA EUROPEAN PHOTOGRAPHY punta ad importanti risultati e si affida alla guida artistica di Cosmo Laera autore e fotografo da sempre impegnato nelle produzioni culturali, docente di fotografia all’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano il cui curriculum e elemento di garanzia per la qualità della manifestazione. L’organizzazione e la direzione tecnica è affidata all’associazione culturale Materaw nelle figure di Roberto Linzalone e Antonello Di Gennaro.

Sito
http://www.materaeuropeanphotography.org
info@materaeuropeanphotography.org

Facebook

more: CF012627_ph.Luca_Campigotto.jpg (0.64 MB)

IMG_8748.JPGIMG_8782.JPGIMG_8806.jpgIMG_8885.JPGIMG_9074.JPGIMG_9199.JPGIMG_8813.JPGIMG_8815.jpgIMG_8821.jpgIMG_8827.jpgIMG_8831.jpgIMG_8833.jpgIMG_8841.jpgIMG_8838.jpgIMG_8881.jpgIMG_8902.jpgIMG_8892.jpgIMG_8915.JPGIMG_8944.JPGIMG_8935.JPGIMG_8904.jpgIMG_8942.jpgIMG_8950.jpgIMG_8956.jpgIMG_8961.jpgIMG_8982.jpgIMG_8985.jpgIMG_9027.jpgIMG_9041.jpgIMG_9050.JPGIMG_9062.jpgIMG_9107.JPGIMG_9086.jpgIMG_9099.jpgIMG_9106.jpgIMG_9120.jpgIMG_9141.jpgIMG_9163.jpgIMG_9176.jpgIMG_9187.jpgIMG_9194.jpgIMG_9206.jpgIMG_9312.JPGIMG_9322.JPGIMG_9219.jpgIMG_9214.jpgIMG_9227.jpgIMG_9247.JPGIMG_9298.JPGIMG_9223.jpgIMG_9238.jpgIMG_9243.jpgIMG_9258.jpgIMG_9265.jpgIMG_9282.jpg_DSF5082.jpgIMG_9354.JPG

PAESAGGIO NATURALE / PAESAGGI ARTIFICIALE

30-03-2017 20:51

url: permalink


MAAAC e TORRE CIVICA
Museo Area Archeologica Arte Contemporanea Cisternino
Museum and archeological area contemporary art Cisternino Italy
direttore Mimmo Tamborrino
progetto e ideazione Alberto Vannetti

PAESAGGIO NATURALE PAESAGGIO ARTIFICIALE
Natural landscape artificial landscape
6 dicembre 2016 - 20 gennaio 2017
december 6 - genuary 20

MAAAC/TORRE CIVICA
Piazza Garibaldi Cisternino Br

L'amministrazione di Cisternino in collaborazione con il Gruppo Archeologico Valle d'Itria, l'ass. Luzzart e il MAAAC ha deciso di mettere a disposizione anche la medioevale Torre Civica per iniziare un percorso espositivo dedicato all'arte moderna e contemporanea in modo permanente.
Per iniziare e dimostrare che si può lavorare con il contemporaneo anche in un luogo decentrato ed in una struttura storica come il previsto Complesso museale di Cisternino in Valle d'Itria si è chiesto ad una serie di importanti artisti italiani di varie generazioni di offrire in prestito una o due opere significative del loro lavoro. Alcune sono già in custodia nel vicinissimo MAAAC sotto la Chiesa di S. Nicola dove si è appena conclusa la mostra contemporanea Ragione e Sentimento fra i suggestivi scavi archeologici.

Ci teniamo a ribadire che l'iniziativa è possibile anche per il lavoro volontario, in ogni campo, di molte persone che vogliono aprire o riaprire gli importanti monumenti del paese, quasi sempre chiusi e in stato fino a oggi di semi abbandono. Riteniamo che l'arte moderna e contemporanea possa essere un buon viatico per aprire questo percorso, partendo dall'antico e dal tessuto rurale del territorio ma per offrire nuove visioni culturali, estetiche e sociali.

La scelta degli autori è eterogenea come eterogenee sono le scelte formali, culturali e tecniche di ogni artista proprio per creare uno spazio visivo ampio, una gamma di possibili scelte e direzioni, ma sempre nella qualità della ricerca. Motivo è che queste prime scelte sono state fatte in collaborazione con altri artisti e critici d'arte, come sarà sempre in futuro, che in modo generoso vogliono partecipare ad un nuovo inizio ed eventualmente fare proposte culturali che riguardano il contemporaneo e anche il dialogo con l'antico.

Il prossimo appuntamento nel periodo festivo parte dalla visione del paesaggio, di ogni tipo, filtrato da sensibilità e cultura dell'autore.
Abbiamo pensato che in un piccolo paese di origine agricola ma oggi in pieno sviluppo turistico e artefatto il confrontarsi con questi ampi temi possa comunicare più adeguatamente con un pubblico non necessariamente "dell'arte". Il tema dei Paesaggi naturali in tutte le loro declinazioni o artificiali riprodotti o virtuali ci sembrano una chiave di lettura e confronto interessante negli spazi così densi di storia del Museo Archeologico e della Torre Civica entrambi di epoca medioevale, circa 1000 d.c.
Gli artisti a cui ci rivolgiamo di chiara fama o semplicemente di grande bravura sono chiamati a sostenere l'iniziativa interpretando, per quanto possibile, il tema della mostra. I loro lavori, se riterranno opportuno potranno essere lasciati in comodato e visione a rotazione per il tempo che riterranno necessario anche oltre la chiusura della mostra.


Gli artisti per Paesaggio Naturale Paesaggio Artificiale

Olmo Amato, Roma, Marco Biondi, Roma, Carlo Bertocci, (FI) Alessandro Bavari, (Lt), Paolo Bielli, Roma, Luigi Billi, Lucio Bracco, Cisternino/Roma, Angelo Calianno, Cisternino (Br), Lisetta Carmi, Cisternino, Michele Coniglio, (Ba) Valerie Chartrand, Canada, Alessandra Giovannoni,Roma, Massimo Livadiotti, Roma, Dino Lorusso (BA), Cosmo Laera (BA), Giorgio Kadmo Pagano, Roma, Maurizio Pellegrin, (VE), Claudio Spoletini, Roma, Ruggero Savinio, Roma, Adriano Settimo Radeglia, Mesagne (Br), GIanni Valletta (Ba).

Aprirà il percorso espositivo il dipinto di Angiolo Vannetti (Livorno 1881/Firenze 1962) "San Marco,Venezia" del 1930.

Il 6 dicembre verrà presentato anche il primo numero di MAMAgazine rivista/catalogo di informazione sulle mostre del MAAAC
Sul n 1 Ragione e Sentimento la mostra di tutta l'estate che ha visto circa 2000 visitatori

IL primo gennaio alle 20 nello scenario della cappella del Purgatorio lo spettacolo
Labirinto
Di e con Massimo Zaccaria e Onofrio Fortunato
Labirinto è uno spettacolo che narra la leggenda del Minotauro, una figura mitologica metà uomo e metà animale; ad accompagnare la sua storia invulnerabile fatta di libertà , ma nello stesso tempo anche d’illusione e d’inganno, è la voce di un narratore nel ruolo di Teseo.

In collaborazione con il Comune di Cisternino
la Cooperativa Saetta, il Gruppo Archeologico,
l'Ass. Luzzart, il maestro Pippo Patruno, il maestro Massimo Livadiotti.

Sostengono l'iniziativa e il Progetto per galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea :Coop LA DEMETRIA, OSTERIA BEll'ITALIA, LA BOTTEGA DELLO SFUSO, Masseria LAMA PELLEGRINI, BB MILLEFIORI e MIele, FERRARA S.A.S., La Taverna Della Torre.

more: IMG_4754.JPG (2.34 MB)

IMG_4723.JPGIMG_4729.JPGIMG_4730.JPGIMG_4731.JPGIMG_4732.JPGIMG_4737.JPGIMG_4742.JPGIMG_4748.JPGIMG_4752.JPGIMG_4753.JPGIMG_4754.JPGIMG_4778.JPGIMG_4767A.jpgIMG_4787.JPGIMG_4792.JPGIMG_4795.JPGIMG_4798.JPGIMG_4807.JPGIMG_4814A.jpgIMG_4816A.jpg

PRIMA VISIONE 2016

13-11-2016 20:25

url: permalink




La Galleria Bel Vedere, in collaborazione con il GRIN, è lieta di presentare la mostra: PRIMA VISIONE 2016, una selezione di immagini realizzate nel 2016 da quarantadue fotografi che hanno scelto Milano come terreno di riflessione o di scoperta.

Bel Vedere Fotografia
via Santa Maria Valle 5
20123 Milano
tel+fax 02.6590879
Galleria Belvedere

martedì-sabato 15-19

Immagini dell'inaugurazione ph.Giacomo Infantino

more: invito_BelVedere.jpg (457.07 KB)

Mostra_Belvedere_1.jpgMostra_Belvedere_2.jpgMostra_Belvedere_3.jpgMostra_Belvedere_4.jpgMostra_Belvedere_5.jpgMostra_Belvedere_6.jpgMostra_Belvedere_7.jpgMostra_Belvedere_8.jpgMostra_Belvedere_9.jpgMostra_Belvedere_10.jpgMostra_Belvedere_11.jpgMostra_Belvedere_12.jpgMostra_Belvedere_113.jpg

OPERAZIONE CA'BRUTTA

30-03-2016 11:38

url: permalink



OPERAZIONE CA’ BRÜTTA
Un edificio, trenta fotografi, due archivi

Sala del Tesoro e Sale Viscontee
Castello Sforzesco, Milano
Dal 15 aprile al 10 luglio 2016
Inaugurazione 14 aprile 2016 ore 18.00

www.cabrutta.it

Tutto ha avuto inizio dal restauro di uno degli edifici più amati dai milanesi, la Ca’ Brütta. Edificio fotografato negli anni Cinquanta da Ugo Mulas, ritratto in molte e diverse occasioni da Gabriele Basilico. A partire della nuova immagine che l’edificio offre alla città dal 2016 abbiamo pensato a un progetto fotografico ampio, che ne testimoniasse il fascino immutato e l’abbiamo chiamato “Operazione Ca’ Brütta”: un invito rivolto a un gruppo di trenta fotografi milanesi o comunque residenti a Milano ognuno dei quali ha accettato di misurarsi con il racconto di un edificio “nobile” cittadino. Quasi tutti la conoscevano, pochissimi ne conoscevano la storia, tutti ne erano o ne sono rimasti affascinati.

I trenta autori hanno esperienze diverse, interessi diversi, cronologie differenti ed è con questo spirito che sono stati coinvolti: per creare una sorta di esercizio di visione individuale che nella somma delle immagini si traducesse in una lezione di visione applicata. Marina Ballo Charmet, Giorgio Barrera, Settimio Benedusi, Gianni Berengo Gardin, Riccardo Bucci, Maurizio Camagna, Luca Campigotto, Marisa Chiodo, Sabina Colombo (da un’idea di Cesare Colombo), Luca Contino, Alessandra Ferrazza, Giovanni Gastel, Giovanni Hänninen, Marco Introini, Cosmo Laera, Delfino Sisto Legnani, Davide Monteleone, Gianni Nigro, Cristina Omenetto, Simona Pesarini, Matteo Piazza, Pietro Privitera, Francesco Radino, Ray Banhoff, Claudio Sabatino, Efrem Raimondi, Laura Rizzi / Cristina Fiorentini, Alessandro Scotti, Toni Thorimbert, Paolo Ventura hanno quindi liberamente interpretato la Ca’ Brütta, raccontandola in esterni e in interni, nei dettagli, nei totali, nei colori, creando, come si sperava, un saggio delle molte possibili interpretazioni che la fotografia contemporanea offre.

GIOVANNA CALVENZI



Ca’ Brütta, edificio manifesto del Novecento a Milano, è l’opera prima dell’architetto lombardo Giovanni Muzio (1893-1982). Il progetto prende il via nel dicembre del 1919, quando Muzio entra come collaboratore nello studio dell’ingegnere Pier Fausto Barelli e dell’architetto Vittorino Colonnese. Lo studio è alle prese con il progetto di un grande corpo abitativo: un intero isolato alle porte della vecchia Stazione Centrale, un’area ai bordi dei confini della città storica, occupata dal Giardino Borghi.

Muzio è da poco ritornato da Parigi, dove era stato richiamato nel febbraio del ‘19, dopo un breve congedo, alla Sezione Militare della Conferenza della Pace, in qualità di tecnico cartografo. La permanenza in Veneto con la scoperta diretta della realtà oggettiva dell’opera del Palladio, il periodo al fronte trascorso in Francia e poi in Belgio, la breve licenza che, alla fine della guerra, lo porterà a visitare Bruxelles, Londra e Parigi, conducono Muzio a immaginare una visione di architettura che non può prescindere da una visione unitaria del problema architettonico e urbanistico. Ca’ Brütta, di cui Muzio rivoluzionerà l’intero progetto preliminare dello studio Barelli – Colonnese, rappresenta una prima sintesi di quel rapporto fra “piccola città” e “grande casa” che lo guiderà nella progettazione di oltre 50 edifici nella sola Milano. Nel giugno 1922, quando Ca’ Brütta apparirà inaspettata alla città, con la sua curva iperbolica, critica e opinione pubblica ne parleranno a lungo. Muzio accoglie la sua “prova” con piena calma. Ca’ Brütta non costituisce per lui l’eccezione, così come appare agli occhi degli altri, ma è semplicemente il traguardo del suo primo processo di ricerca. Il risultato gli appare “buono” come si doveva dimostrare; la strada è, pertanto, perseguibile.

“Operazione Ca’ Brütta” nasce dal desiderio di raccontare l’opera prima di Giovanni Muzio, in occasione del primo restauro. Il racconto, scaturito dalla missione fotografica, offre una lettura inedita dell’edificio, nel suo insieme e nella sua infinita ricchezza di dettagli, dagli esterni agli interni, da chi la vive o la attraversa. Un grande album, un omaggio alla poetica che Ca’ Brütta ancora oggi riesce a trasmettere.


GIOVANNI TOMASO MUZIO

more: ph.Cosmo_Laera__22a.jpg (250.15 KB) CB1921_14_4_2016_ore_18_2.jpg (106.5 KB)

IMG_4870.jpgIMG_4946.jpgIMG_4867.jpgIMG_4973.jpgIMG_4928.jpgIMG_4959.jpgIMG_5008.jpgIMG_4993__1_.jpgIMG_4952__1_.jpgIMG_4999__1_.jpgIMG_4986.jpgIMG_4998.jpgIMG_4938.jpgIMG_4965.jpgIMG_5006__1_.jpgIMG_5064.jpgIMG_5074.jpgIMG_5078.jpgIMG_5016__1_.jpgIMG_4917.jpgIMG_4886.jpgIMG_4873.jpgIMG_5046.jpgIMG_5176__1_.jpgIMG_5263.jpgIMG_5232.jpgIMG_5315.jpgIMG_5336.jpgIMG_5231.jpgIMG_5204__3_.jpgIMG_5131__3_.jpgIMG_5134__4_.jpgIMG_5104__3_.jpgIMG_5174__3_.jpgIMG_5129__3_.jpgIMG_5130__3_.jpgIMG_5134__3_.jpgIMG_5224__3_.jpgIMG_5112__3_.jpgIMG_5132__3_.jpgIMG_5175__3_.jpgIMG_5267__3_.jpgIMG_5245__3_.jpgIMG_5251__3_.jpgIMG_5329__3_.jpgIMG_5143__3_.jpgIMG_5321__3_.jpgIMG_5240__3_.jpgIMG_5190__3_.jpgIMG_5273__3_.jpgIMG_5279__3_.jpgIMG_5293__3_.jpgIMG_5200__4_.jpgIMG_5213__4_.jpgIMG_5186__4_.jpgIMG_5153__4_.jpgIMG_5164__4_.jpgIMG_5179__4_.jpgIMG_5310__4_.jpgIMG_5233__4_.jpgIMG_5301__4_.jpgIMG_5178__1_.jpgIMG_5161__4_.jpgIMG_5194__4_.jpgIMG_5217__4_.jpgIMG_5185__4_.jpg

IN INSULA 2014–2015

27-01-2016 21:23

url: permalink



ph.Cosmo Laera

IN INSULA 2014–2015

Mostra delle residenze d’artista e dei progetti realizzati sull’Isola Comacina
Ex Chiesa di San Carpoforo, Via Formentini 10 – 20121 Milano 29 gennaio – 6 febbraio 2016
Inaugurazione 29 gennaio, ore 12.00


Venerdì 29 gennaio 2016 alle ore 12.00 presso l’Ex Chiesa di San Carpoforo a Milano inaugura la mostra In Insula 2014 – 2015 organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Brera e dalla Fondazione Isola Comacina.
La mostra, a cura di Marco Pellizzola, propone un racconto unitario delle diverse esperienze e attività artistiche che si sono svolte negli anni 2014 e 2015 sull’Isola Comacina, nate dalla collaborazione tra Accademia e Fondazione.
L’Isola possiede infatti un patrimonio archeologico, artistico, architettonico e paesaggistico di rara bellezza. Affidata dal Re del Belgio alla Fondazione omonima, di cui fa parte l’Accademia di Brera, l’Isola ha rappresentato per secoli un luogo di ispirazione per artisti, poeti e intellettuali. Alla fine degli anni ’30 del 1900 l’Arch. Lingeri progettò tre Case per Artisti in stile razionalista, in cui l’Accademia e le rappresentanze Belghe delle Fiandre e della Vallonia ospitano annualmente artisti in residenza.
Oltre alle residenze, l’Isola si presta ad accogliere ed ispirare progetti artistici e culturali ad ampio spettro, che spesso indagano il particolare rapporto tra arte storia e natura, incarnato dall’Isola stessa. Il percorso espositivo si snoda quindi tra le Residenze d’Artista, le opere del ciclo InterNature curato dalla Scuola di Scultura, e lo spettacolo itinerante Alcina organizzato dalla Scuola di Scenografia.
Contestualmente alla mostra, l’Accademia ha istituito una collezione che, anno dopo anno, andrà arricchendosi delle opere donate dagli artisti residenti. Ad oggi, la collezione raccoglie opere di: Marco Bucchieri, Marta Colombo, Pietro Finelli, Luca Ghirardosi, Teresa Iaria, Cosmo Laera, Alice Pedroletti, Geremia Renzi, Davide Tranchina, Pietro Weber, Alberto Zamboni.
Il fil rouge è quindi sempre l’Isola Comacina in persona, la cui presenza è a volte manifesta ed evidente, come in alcune opere fotografiche, a volte più celata o metaforica, nelle opere ispirate alle suggestioni e al fascino misterioso dell’Isola.


Informazioni mostra
Sede espositiva: Ex Chiesa di San Carpoforo, Via Formentini 10 – 20121 Milano Apertura al pubblico: 29 gennaio 2016 – 6 febbraio 2016
Inaugurazione: 29 gennaio 2016, ore 12.00
Curatore: Marco Pellizzola
Orari: dal lunedì al venerdì 9.00 – 18.30, sabato 9.00 – 13.30 Giorno chiusura: domenica
Ingresso gratuito

more: Manifesto....pdf (2.52 MB) Manifesto....jpg (0.53 MB) Comunicato_Stampa_In_Insula_2014___2015_2.pdf (1.24 MB)

ph.Cosmo_Laera_7642B.jpg

PRIMA VISIONE 2015 / GALLERIA BELVEDERE / MILANO

19-01-2016 23:35

url: permalink


ph. Cosmo Laera

La Galleria Bel Vedere è lieta di presentare la mostra

PRIMA VISIONE 2015 I FOTOGRAFI E MILANO

La Galleria Bel Vedere, in collaborazione con il G.R.I.N. (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale), presenta una raccolta di immagini realizzate nel 2015 da quarantatre fotografi e dedicate a Milano, città scelta come terreno di riflessione o di scoperta.

Nuovo appuntamento con Prima Visione, la mostra dedicata a Milano e ospitata alla Galleria Bel Vedere.
La rassegna, giunta all’undicesima edizione, testimonia, ancora una volta, il grande sodalizio tra la Galleria, l’associazione dei photo-editors G.R.I.N. e i fotografi: quarantatre gli autori selezionati, quasi tutti giovani, che nel 2015 hanno realizzato almeno un'immagine della città. Mai come quest’anno caratterizzate dal colore, le loro fotografie ci mostrano, appunto, una città fresca, vivace, luminosa, trasformata e rinnovata soprattutto grazie all’Expo, ma allo stesso tempo ancorata alla tradizione con i suoi immancabili tram e i tanti monumenti storici.
Vicino alle immagini di architettura, sempre piene di fascino e a qualche visione periferica, ecco una Milano all’apparenza pressoché inedita soprattutto in alcuni scorci di paesaggio urbano.
Ampio spazio è dedicato infine alla vita di tutti i giorni, anche nella sua versione multietnica, in cui spiccano le persone, ritratte al lavoro, nel tempo libero, in movimento nelle vie dello shopping, o che si rivelano addirittura in curiose pose sexy.

Gli autori:
Francesco Anselmi, Mattia Balsamini, Ray Banhoff, Pietro Baroni, Nicola Bertasi, Davide Biagi, Giuseppe Biancofiore, Caterina Maria Carla Bona, Riccardo Bucci, Daniele Cavadini, Pierfrancesco Celada, Federico Ciamei, Matteo Cirenei, Marco Dapino, Franco Donaggio, Jacopo Farina, Stefano Frattini, Alexis Ftakas, Marco Garofalo, Tommaso Gesuato, Alessandro Grassani, Gianluca Gullini, Giovanni Hänninen, Marco Introini, Cosmo Laera, Andrea Mariani (A13 Studio), Marco Menghi, Francesco Mion, Sara Munari, Gianni Nigro, Thomas Pagani, Giovanni Panizza, Jacques Pion, Roberto Ramirez, Nicolò Rastrelli, Francesco Rocco, Romana Rocco, Filippo Romano, Francesca Romano, Luca Rotondo, Claudio Sabatino, Roby Schirer, Pio Tarantini


Inaugurazione giovedì 28 gennaio 2016 orario 18-21
La mostra è aperta dal 29 gennaio al 5 marzo 2016

BEL VEDERE FOTOGRAFIA
Via Santa Maria Valle, 5
20123 Milano - Italia

more: IMG_0257_ok_WEB.jpg (413.96 KB)

IMG_2689__4_.jpgIMG_2708__4_.jpgIMG_2712__4_.jpgIMG_2722__4_.jpgIMG_2704__4_.jpgIMG_2719__4_.jpgIMG_2698__4_.jpgIMG_2690__4_.jpgIMG_2699__4_.jpgIMG_2703__4_.jpgIMG_2729__4_.jpgIMG_2725__4_.jpgIMG_2756__6_.jpgIMG_2752__4_.jpgIMG_2761__4_.jpgIMG_2777__4_.jpgIMG_2757__5_.jpgIMG_2743__5_.jpgIMG_2748__6_.jpgIMG_2735__6_.jpgIMG_2732__5_.jpgIMG_2740__4_.jpgIMG_2819__4_.jpgIMG_2827__4_.jpgIMG_2832__6_.jpgIMG_2814__4_.jpgIMG_2789.jpgIMG_2781__4_.jpgIMG_2784__5_.jpgIMG_2790__4_.jpgIMG_2793__4_.jpg

da>verso COINCIDENZE 2015

12-12-2015 22:57

url: permalink



Testo di Edoardo Zuccato, ph. Cosmo Laera
ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA - MILANO

da>verso COINCIDENZE 2015

presentazione

venerdì 18 dicembre 2015, ore 18.30

Laboratorio Formentini, via Formentini 10, Milano

interventi di Marco Corsi, Margherita Labbe, Chiara Giorgetti, Italo Testa

letture di Paola Loreto, Edoardo Zuccato, Corrado Benigni e Dario Bertini.

Aperitivo di contaminazione fra la poesia e le altre arti nel panorama culturale contemporaneo: SPAZIO|POESIA ospita la presentazione della quarta edizione dei multipli d'arte da >verso_coincidenze dell’Accademia di Brera, che mettono a confronto testi inediti di alcune delle voci più interessanti nel panorama della poesia contemporanea e opere grafiche di docenti e studenti dell’Accademia di Brera e altri artisti invitati. Una serata di confronto e interazione tra linguaggi, con letture poetiche di Corrado Benigni, Dario Bertini, Paola Loreto, Edoardo Zuccato. Interverranno i curatori Chiara Giorgetti, Margherita Labbe, Italo Testa, e alcuni degli artisti partecipanti.

A concludere, brindisi pre-natalizio.

Ingresso libero

poeti Paola Loreto, Giovanna Marmo, Giulio Marzaioli, Edoardo Zuccato

artisti

docenti: Claudio Cozzolino, Ada Ghinato, Cosmo Laera, Tiziana Valzelli

invitati: Marosia Castaldi, Roberto Dassoni, Nadia Nava, Fiorenzo Rosso

allievi: Elisa Camozzi, Giulio Locatelli, Melisa Pirez, Vincenzo Zancana

da>verso COINCIDENZE
progetto artistico Chiara Giorgetti
progetto poetico Italo Testa
design grafico Paolo Di Vita
coordinamento Margherita Labbe

Laboratorio Formentini

more: Cosmo_Laera_da_verso.jpg (310.02 KB)

PERUGIA SOCIAL PHOTO FEST

12-12-2015 15:48

url: permalink




Dal 17 Dicembre 2015 al 10 Gennaio 2016
PERUGIA
LUOGO: Palazzo della Penna
CURATORI: Giovanna Calvenzi, Claudio Pastrone
ENTI PROMOTORI:
Perugia Social Photo Fest (PSPF)
Perugia Capitale Italiana dei Giovani 2016
SITO UFFICIALE: http://www.perugiasocialphotofest.org/

L’Associazione LuceGrigia e il Perugia Social Photo Fest (PSPF), rassegna internazionale di fotografia sociale e fotografia terapeutica, presentano Phone_Photography, una mostra a cura di Giovanna Calvenzi e Claudio Pastrone, Direttore del CIFA (Centro Internazionale della Fotografia d’Autore), incentrata su progetti fotografici di grandi autori che prevedono l’esclusivo utilizzo di smartphone, che si terrà a Perugia, dal 17 Dicembre al 10 Gennaio a Palazzo della Penna.

La mostra Phone_Photography rientra nel programma di eventi culturali organizzati a Perugia per festeggiare il titolo di Perugia Capitale Italiana dei Giovani 2016 e l’arrivo in finale nella competizione europea per la Capitale dei Giovani 2018. Il programma comprende l’esposizione “Perugia in a Nutshell” a cura del Centro Studi Umanistici dell’Umbria e Il Circolo delle Menti e una serie di incontri culturali.

Phone_Photography, mostra promossa dalla FIAF, la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, nasce da un presupposto, ossia che uno smartphone nelle mani di “qualcuno che sa vedere” possa diventare una vera e propria macchina fotografica, capace di registrare la realtà, di interpretarla e realizzare “vere fotografie”.

Gli autori presenti in mostra sono grafici e fotografi professionisti, che per lavoro e per amore usano lo sguardo: tutte le immagini sono state realizzate con il telefono e quasi tutte sono state postate nei social network, condivise, viste da centinaia di “amici” e commentate da altrettanti osservatori. E tuttavia ogni autore ha realizzato, in situazioni e con intenti diversi, veri e propri racconti per immagini. Immagini che oggi, stampate e “messe al muro”, possono essere osservate con agio, criticate o apprezzate senza l’obbligo di cliccare un “mi piace”.

Saranno esposte le fotografie di Settimio Benedusi, Alberto Bianda, Alberto Bregani, Leonardo Brogioni, Gianni Cipriano, Mario Cresci, Stefano De Luigi, Giovanni Del Brenna, Edoardo Delille, Cosmo Laera, Martino Marangoni, Nino Migliori, Italo Perna/Silvia Tenenti, Efrem Raimondi, Ray Banhoff, Toni Thorimbert, Giacomo Traldi, Riccardo Venturi1 e Paolo Verzone.


GIOVEDI’ 17 DICEMBRE
VERNISSAGE
18.00: Saluti di benvenuto e presentazione delle mostre
18.30: Performance FREE EVOLVING INTERPLAY PART I
ALBERTO DIPACE Piano Solo (Il Circolo delle Menti)
TIZIANO TARDO Pittura (Il Circolo delle Menti)
19.30: Aperitivo

DOMENICA 27 DICEMBRE
18.30: Performance FREE EVOLVING INTERPLAY PART II
DIEGO PETRINI Batteria, percussioni e Synth (Il Circolo delle Menti)
ALBERTO DIPACE Piano elettrico e live effects (Il Circolo delle Menti)
TIZIANO TARDO Pittura (Il Circolo delle Menti)

SABATO 9 GENNAIO 2016
17.00: Tavola rotonda “La foto è mobile. La fotografia al tempo dei fotofonini”.
Intervengono:
Giovanna Calvenzi, photo-editor e collaboratrice di diversi periodici italiani, consulente per l’immagine della Periodici San Paolo.
Michele Smargiassi, collabora con “La Repubblica”, dove cura anche il blog “Fotocrazia”. I suoi articoli e le sue inchieste giornalistiche sono citati in numerosi saggi di autori quali Giovanni Floris, Roberto Ippolito, Giorgio Simonelli, Silvio Ciappi.
Claudio Pastrone, Direttore del CIFA (Centro Italiano della Fotografia d’Autore) e curatore della mostra “Phone_photography”.
Antonello Turchetti, Direttore del Perugia Social Photo Fest, fotografo, arte terapeuta.

Moderatore dell’incontro: Barbara Gemma La Malfa, responsabile di 6Glab – Laboratorio di idee di SEIGRADI.

more: 12345569_10206780536966779_4221733515251937975_n.jpg (96.91 KB)

SENZA MACIGNI SUL CUORE

10-11-2015 23:47

url: permalink



ph.Cosmo Laera

Cosmo Laera
“Senza macigni sul cuore”
a cura di Giovanna Calvenzi

dal 18 novembre al 9 gennaio 2016
inaugurazione 18 novembre 2015 ore 18.30

La Galleria Monopoli presenta la mostra fotografica di Cosmo Laera.
Il viaggio inizia con un’immagine di un magnifico colonnato. Non importa sapere dove sia. Al centro della composizione un osservatore o un’osservatrice osserva, esercita – come si dice spesso in fotografia – lo sguardo. Nonostante le apparenze Cosmo Laera disattende la lezione della storia della fotografia che prevede la presenza umana come misura dello spazio: nelle immagini successive le sue “presenze”, infatti, mettono in scena il guardare, recitano per il fotografo – e quindi per noi – un invito ad apprezzare gli straordinari paesaggi italiani che Laera censisce. Paesaggi importanti ma anche vedute di luoghi senza storia, nobilitati dalla rilettura fotografica. Ancora una volta non importano le connotazioni geografiche o le didascalizzazioni e nel tempo sospeso della fotografia le sue possibilità di interpretare la realtà esercitano sui luoghi più diversi una raffinata operazione di trascrizione. Gli attori di Cosmo Laera viaggiano da nord a sud, da est a ovest, attraversano le ore del giorno e osservano, presenze fedeli che il fotografo guida con sapiente regia e che sottolineano dove dobbiamo direzionare lo sguardo. E’ una dichiarazione di intenti, esplicita e diretta. In un gioco di rimandi noi osserviamo l’osservatore e il piacere della contemplazione raddoppia: in un mutuo scambio di attenzione il paesaggio sembra guardare chi osserva e noi diventiamo testimoni volontari di un intrecciarsi di tensioni. La fotografia di Cosmo Laera utilizza un linguaggio asciutto, rispettoso, che altera delicatamente le cromie per rendere univoca, nelle differenze di tempo e di luoghi, la visione. Le minuscole presenze all’interno dei grandi paesaggi sono al tempo stesso comparse e protagonisti, segnano l’intenzione dell’autore di invitarci a guardare, di diventare anche noi, davanti alle sue immagini, osservatori “professionisti” di quanto ci circonda. Il viaggio si compie con lentezza, di quadro in quadro, attraverso una visione che non si concede equilibrismi estetici e che tutt’al più si permette qualche inquadratura dall’alto. Come accogliendo l’invito contenuto in una nota riflessione di Italo Calvino: “Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

Giovanna Calvenzi

Orari di apertura:
Martedi’-Sabato 14.00-19.00


GALLERIA MONOPOLI
via Giovanni Ventura 6
20134 Milano
+39 02 36593646
+39 333 5946896
www.galleriamonopoli.com
info@galleriamonopoli.com

ARTE E CULTURA
THAT'S CONTEMPORARY
EXIBART
UnDo.net
Studio Fahrenheit
FPmag
ViviMilano
Repubblica/Bari
Artribune
ArtsLife
DomusWeb
SGUARDI
Archiportale

more: Senza_Macigni_sul_Cuore_ph.Cosmo_Laera1.jpg (1.23 MB) Sguardi.jpg (281.46 KB)

_MG_0021.jpg_MG_0024.jpg_MG_0046.jpg_MG_0051.jpg_MG_0042.jpg_MG_0039.jpg_MG_0034.jpg_MG_0031.jpgIMG_0017.jpg_MG_0058.jpg_MG_0053.jpgIMG_0362.jpgIMG_0357.jpgIMG_0366.jpgIMG_0371.jpgIMG_0370.jpgIMG_0374.jpgIMG_0394.jpgIMG_0410.jpgIMG_0409.jpgIMG_0401.jpgIMG_0442.jpgIMG_0434.jpgIMG_0424.jpgIMG_0426.jpgIMG_0450.jpgIMG_0443.jpgIMG_0458.jpgIMG_0465.jpgIMG_0452.jpgIMG_0474.jpgIMG_0482.jpgIMG_0483.jpgIMG_0476.jpgIMG_0493.jpgIMG_0492.jpgIMG_0509.jpgIMG_0500.jpgIMG_0503.jpg

IMPOSSIBLE LANDSCAPES

06-11-2015 08:56

url: permalink



ph.Cosmo Laera

Glenda Cinquegrana Art Consulting
via Sant'Antonio Maria Zaccaria, 4, 20122 Milano

da martedì 24 fino al 15 gennaio 2016.
Solo su appuntamento.
A cura di Glenda Cinquegrana.

Glenda Cinquegrana Art Consulting è lieta di presentare la mostra collettiva Impossible Landscapes con Francesco Cianciotta, Giovanni Guadagnoli, Cosmo Laera, Francesco Nencini, Luca Scarpa. L’esposizione affronta il tema della fotografia di paesaggio, attraverso la lente di cinque fotografi italiani che interpretano quel genere classico alla luce di una riflessione profonda sul medium fotografico e sulle sue potenzialità espressive. Attraverso un caleidoscopio di punti di vista diversi ricostruire una prospettiva univoca su questa problematica appare impossibile.

IGNORARTE
AiFoto Web
DOMUSWEB


more: dalla_serie__Quello_che_il_Piave__66_cm_60_x_40_.jpg (131.06 KB)

ESPERIENZA DI DIDATTICA DELLA FOTOGRAFIA FUORI E DENTRO LA FIAF

30-09-2015 00:12

url: permalink


GIORNATA DI STUDIO DEL DIPARTIMENTO DIDATTICA
CIFA - Bibbiena 17-18 ottobre 2015

Il Dipartimento Didattica organizza con il CIFA di Bibbiena una Giornata di Studi dedicata ai Docenti e ai Collaboratori del DiD, e alle figure facenti parte del DiCult. Tema dell'incontro: "Esperienze di didattica della fotografia fuori e dentro la FIAF”. La didattica presuppone un metodo e dei contenuti, il Did vuole offrire la possibilità di condividerli confrontandosi con l’ampia gamma di esperienze presenti all’interno delle nostre associazioni fotografiche, e confrontandosi con chi in situazioni diverse si occupa dell’insegnamento della fotografia.
Oggi l’insegnamento della fotografia si muove su molteplici binari e porta avanti diversi obiettivi: aggiornamento sui cambiamenti tecnici ed estetici, educazione agli usi creativi del mezzo, condivisione di un quadro critico per l'interpretazione delle immagini. Nell’attuale momento di trasformazione che attraversa il mondo della fotografia, il nostro compito di docenti ed educatori appare sempre più importante e di fondamentale utilità verso la comprensione delle immagini, e le trasformazioni tecniche e dei media possono essere una proficua occasione per riflettere sui propri compiti e per ricercare nuovi percorsi e metodologie. Queste riflessioni ed esigenze ci hanno portato a organizzare questo momento di incontro. Come Did vogliamo portare aventi e sviluppare le esperienze passate di formazione per i docenti e gli aspiranti tali, con lo scopo di cominciare a riflettere su alcuni dei temi e sulle esperienze didattiche presenti all’interno della FIAF e confrontarli con altre qualificate esperienze in varie altre scuole italiane di fotografia. Inoltre il DiD sente l’esigenza di conoscere e far conoscere tra loro i vari Docenti e Collaboratori, e coloro che partecipano al DiCult, per dare a tutti la possibilità di creare un gruppo in cui le conoscenze si possano integrare e condividere.
Alla giornata di studio sono invitati a partecipare tutti i Docenti e Collaboratori DiD e DiAF, e le diverse figure che collaborano con il Dipartimento Cultura. Altri soci interessati possono partecipare come auditori, ed eventuali residenze e pasti sono a loro carico.


PROGRAMMA
Sabato 17 ottobre
h. 10.00-13.00
Esperienze di didattica all'interno della FIAF
I docenti FIAF portano le loro testimonianze su particolari esperienze didattiche.
Moderatore Saverio Langianni (vicedirettore DiD)
9,45 – Saluti del presidente della FIAF R. Rossi e del Direttore del CIFA C. Pastrone
10,00 - Beppe Bolchi (Docente FIAF) -La Didattica e la Cultura sono troppo importanti per essere lasciate all’improvvisazione...Importanza del coinvolgimento dei Circoli attraverso le strutture FIAF
10,25 - Orietta Bay (Docente FIAF) - L’educazione alla fotografia: l’esperienza nelle scuole con i bambini, e nella fotografia al Femminile
10.50 - Silvano Bicocchi (Direttore Dip. Cultura) – La figura del Tutor
Pausa caffè
11,15 - Walter Turcato (Docente DiD e DiAF) - #medium - La multimedialità a servizio della didattica e della cultura.
11,40 - Enrico Maddalena (Docente FIAF) - I libri di testo come strumenti per l’insegnamento
12,05 – Tullio Fragiacomo (Docente FIAF) – Come il Sidol, come l'argenteria: la divulgazione della cultura dell'immagine
12,30 - dialogo aperto
Pausa pranzo
h. 15.00-18.00
Come viene insegnata la fotografia
Interventi di docenti esterni alla FIAF che propongono dei contributi di riflessione su tematiche legate alla
loro esperienza nell’ambito dell’insegnamento della fotografia.
Moderatore Massimo Agus (direttore DiD)
15,00 - Enzo Leanza – (Docente Università) - Dire, fare, fotografare. Didattica fotografica tra scuola e Università
15,30 - Cosmo Laera (Docente all’Accademia di Belle Arti di Brera) - Fotografia, il linguaggio della contemporaneità. Metodologia e didattica nelle Accademie di Belle Arti.
Pausa caffè
16,15 – Alessandra Capodacqua (Docente Studio Marangoni Firenze) - L’insegnante come catalizzatore. Esperienze interculturali.
16,45 – Augusto Pieroni (Docente Scuola Romana di Fotografia) – Per specula. La teoria fotografica mediante la pratica.
17,10 - dialogo aperto

Domenica 18 ottobre
La mattina del 18 sono organizzati due seminari a tema specifico, a cui è necessario
iscriversi preventivamente presso la segreteria e tramite l’apposita scheda.
h. 10.00-12,30
1- Augusto Pieroni
La lettura delle immagini e delle sequenze fotografiche.
Una vera grammatica non c’è, ma esiste una mappa muta che permette di orientarsi tra le decisioni, le scelte di linguaggio, di stile e racconto. Leggere l’immagine statica però non basta; la comprensione della sequenza fotografica è la conquista di una comprensione sintattica, ritmica ed emozionale alla quale tende la maggior parte degli autori.
2- Massimo Agus e Attilio Lauria
Tendenze della fotografia contemporanea e nuovi media
L’incontro vuole portare elementi di riflessione sulla trasformazione delle pratiche e dell’uso delle immagini fotografiche sia in campo artistico, che nella documentazione e nella comunicazione. Attraverso esempi ed esperienze si cerca di capire il nuovo rapporto che si sta sviluppando tra fotografo e fotografia in relazione con gli odierni mezzi di diffusione delle immagini, cercando di individuare quali potrebbero essere degli ipotetici futuri scenari.

Informazioni:
Per le prenotazioni e la partecipazione rivolgersi a Cristina Orlandi del CIFA Tel 0575 1653924 segreteria@centrofotografia.org
E’ necessario prenotarsi entro il 9 ottobre.
Per la partecipazione ai seminari Inviare la scheda d’iscrizione scaricabile dal sito
http://www.fiaf.net/didattica/
Al CIFA sarà visitabile la mostra "Crediamo ai tuoi occhi”.

IMG_5009.JPGIMG_5011.JPGIMG_5010.JPGIMG_5019.jpgIMG_5015.JPGIMG_5016.jpg

search

pages

loading